Fire Safety Engineering
Phone :
+39 329 778 4674
Address :
Via Pietrasanta, 14/Edificio 1G, 20141 Milano MI
Email :
info@fseng-antincendio.it

Quando la condizione di uso finale di un prodotto da costruzione è tale da contribuire alla generazione e alla propagazione del fuoco e del fumo all’interno del locale di origine, il prodotto va classificato per reazione al fuoco. Ai sensi del D.M. 10/03/2005 si possono distiguere:

  • Prodotti omogenei: prodotti che caratterizzati da un solo materiale che presentano a tutti i livelli densità e composizione uniforme.
  • Prodotti non omogenei: prodotti che non possiedono i requisiti dei prodotti omogenei. Essi si compongono di uno o più componenti sostanziali o non sostanziali.

Vista quindi la definizione di prodotto non omogeneo, il D.M. 10/03/2005 descrive la differenza tra componente sostanziale e non sostanziale, come di seguito riportato:

  • Componente sostanziale: un materiale che costituisce un elemento significativo nella composizione di un prodotto non omogeneo. Un rivestimento con massa per unità di aerea ≥1,0 kg/m2 e spessore ≥1 mm è considerato un componente sostanziale.
  • Componente non sostanziale: un materiale che non costituisce una parte significativa di un prodotto non omogeneo. Un rivestimento con massa per unità di area < 10 kg/m2 o spessore <1 mm è considerato un componente non sostanziale. Due o più rivestimenti non sostanziali adiacenti (ovvero non separati da alcun componente sostanziale) sono considerati come un componente non sostanziale, e pertanto devono soddisfare in toto i requisiti previsti per i rivestimenti che sono componenti non sostanziali.

Quale reazione al fuoco devono garantire quindi i prodotti non omogenei?

I prodotti non omogenei devono essere classificati per reazione al fuoco così come richiesto dalle regole tecniche di prevenzione incendi, con riferimento ai soli componenti sostanziali. I componenti non sostanziali al contrario, potranno non essere classificati per reazione al fuoco.

A supporto di questa teoria però, la definizione di un componente non sostanziale dovrà essere supportata da precise prove di laboratorio elencate all’interno di apposite Tabelle del D.M. 10/03/2005.

Team FSENG

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Awesome Works
Awesome Works

Related Posts

error: Content is protected !!